Alberto Pellè

Bianco in Sanità

E-mail

 

copertina biancocop

Cliccare (gratuiti), sulle copertine del saggio - ottobre 2017 - e del libro.

 

I miei libri si trovano anche in formato elettronico ePub e per  Kindle su:

iTunes https://itunes.apple.com/us/book/lavoro-e-pensione-fra-disumane/id1041009297?mt=13

Amazon http://www.amazon.it/Previdenza-disumane-speculazioni-Reagire-devastante-ebook/dp/B00L47OZYU/ref=cm_cr_pr_pdt_img_top?ie=UTF8

 

Alberto Pellè, classe 1955, è laureato in Scienze Sociali. Sin dall’infanzia entra in contatto con l’ambiente ospedaliero. Oltre a dedicarsi da oltre quarantun’anni all’assistenza sanitaria, da circa tredici anni si occupa del martoriato mondo pensionistico e del lavoro.

 

Alberto.jpg

 

SAGGIO: GIOVANI-ANZIANI TRA "LAVORO E ASPETTATIVA DI VITA"

                   Testimonianza e soluzioni ad una crisi indotta

La riforma Fornero nel Governo Monti nel 2011 ha generato uno tsunami contro la crescita di milioni di giovani e degli anziani comuni, intrappolati a vita prima di poter percepire una misera e corta pensione.

Varie le riflessioni qui evidenziate, come: le numerose morti nella morsa del lavoro e della speculazione; la malsana politica quando, deliberatamente, trascina la popolazione in una crisi indotta; il gioco miserevole “dell’aspettativa di vita”, utilizzato per allungare l’uscita lavorativa agli anziani e di conseguenza l’entrata ai giovani, nonostante l’ISTAT registri un drammatico aumento della mortalità.

 “Traditi dalla propria Patria” è infine il bel servito di malsane politiche e connivenze cittadino-istituzionale, contro la stessa Italia e milioni di persone oneste che hanno contribuito allo sviluppo del Paese.

Si afferma che non ci sono soldi per l’occupazione e i pensionandi. Ma dall’evasione fiscale di svariati miliardi, agli ingenti tagli ai servizi nel Paese (quindi con meno spesa sociale) e all’aumento delle entrate tributarie, sono molti i miliardi in più che scivolano nelle casse dello Stato. Miliardi sottratti in nome della “UE e del risanamento del debito pubblico”! Ma siamo ancora convinti di questo “risanamento”?

Nel breve saggio-testimonianza (tra spunti di attualità, proposte e analisi sociologiche), si affronta questa riforma pensionistica in direzione di un riscatto sociale. Saggio che esula dalle competenze economico-statistico e prende in considerazione i drammatici aspetti umani del problema.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

  Libro-diario: Bianco in Sanità

Fra pennellate, aneddoti umoristici, denunce e ricerche, si offre un contributo attraverso l'esperienza vissuta tra ospedali, strutture territoriali e studi universitari. Diverse le riflessioni sul paziente, sull’anziano, su i pronto soccorso, sull’infermiere, sull’ambiente sanitario e del lavoro, sulla qualità e l’etica nel delicato servizio sanitario, mettendo in evidenza il merito di tanti medici, operatori sanitari e del volontariato.

“Bianco in Sanità” è dunque il racconto autobiografico tra narrativa, spunti saggistici e pensiero sociologico denreo e attorno l'assistenza sanitaria. Una testimonianza-speranza che affronta le condizioni e le possibili soluzioni atte a migliorare e ad agevolare  la difficile mansione degli addetti alle cure infermieristiche. Fotografando infine i vari retroscena chiave all’interno della Sanità, qui si visualizza un periodo che va dagli anni Settanta ad oggi.

"Il rischio di mortalità e di fallimento delle cure cresce del 7% per ogni paziente in più che grava sull'infermiere". - “Un rapporto infermieri/pazienti insufficiente, si riflette negativamente sulla spesa economica e sugli stessi infermieri esposti a un rischio superiore di stress psico-fisico”. - "La mancanza di personale sanitario, sta assumendo un carattere di emergenza in tutte le regioni del mondo", l’ha rilevato l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).